header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Venezia: Trova portafoglio smarrito, ma è sordomuto: soluzione trovata in Questura

Si è presentato all’Ufficio Denunce della Questura di Venezia a metà mattina di ieri insieme alla  figlia, per segnalare che poco prima aveva rinvenuto un portafoglio a bordo di un mezzo pubblico.

Nulla di strano, anche se il gesto, civilmente doveroso, era da ritenersi comunque un ottimo esempio di altruismo e di onestà.

Anche perché, all’interno del portafoglio, trovato dal 49enne mestrino a bordo dell’autobus della linea 19 in prossimità dell’arrivo al capolinea di piazzale Roma, vi erano, oltre ai documenti personali di un 40enne cittadino rumeno, la somma di 450 Euro in contanti.

La particolarità era soprattutto nelle modalità del rinvenimento: l’uomo  aveva infatti visto benissimo l’individuo che aveva perso il portafoglio (mentre si stava alzando dal posto a sedere per scendere alla propria fermata), ma non aveva fatto in tempo ad avvisarlo con un richiamo, dato che l’uomo era diversamente abile, ovvero sordomuto.

Né era stato sufficiente tentare di rincorrerlo, dato che le porte del bus si erano chiuse prima che fosse stato possibile avvisare il legittimo proprieterio dello smarrimento appena subito.

Ai poliziotti dell’Ufficio Denunce, anche con la collaborazione della figlia dell’uomo giunta nel frattempo, il 49enne ha raccontato la storia e consegnato il “prezioso” plico: è stato facile per gli agenti rintracciarne il proprietrio, un lavoratore rumeno residente a Mestre ma con impiego al Lido di Venezia: l’uomo, infatti, accortosi con sgomento della mancanza del portafoglio, stava per recarsi presso il più vicino posto di Polizia per sporgere denuncia: è stato immediatamente convocato presso gli uffici della Questura per rientrare in possesso dei suoi averi e ringraziare di persona colui che l’aveva rinvenuto.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com