header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Suicidio agente di polizia a Triggiano, Nuzziello: “Il Governo esca dall’oblio”

La Consigliera regionale de La Puglia per Vendola, Anna Nuzziello vice-presidente della VI Commissione consiliare ha diffuso la seguente dichiarazione:
La vicenda dell’agente di polizia morto dopo essersi sparato un colpo alla testa con la pistola di ordinanza davanti alla caserma dei carabinieri a Triggiano ci lascia basiti e non deve più passare inosservata. È dovere prioritario del Governo uscire dall’oblio. Già lo scorso anno, prima che si dovessero contare i numerosi morti per suicidio, il Consiglio regionale pugliese aveva visto un mio ordine del giorno, approvato all’unanimità con cui chiedevo al presidente Vendola ed all’intera Giunta di intervenire presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per porre fine a questa situazione di degrado economico, sociale ed umano in cui versa la classe imprenditoriale in questo momento, che per la sua fragilità è finita vittima di meccanismi illeciti e usurai, oltre che drammaticamente inconsulti dal punto di vista umano.
Equitalia svolge una funzione essenziale ed è indubbio che le tasse debbano essere pagate, ma le procedure esattive e sanzionatorie sono abnormi.
Sono ancora fermamente convinta che una modifica alle normative che regolamentano Equitalia possa rivisitare il sistema sanzionatorio e restituire dignità ai privati ed alle aziende che sono sull’orlo del baratro e in moltissimi casi lo hanno oltrepassato.
In questa fase di stallo ed in attesa di una riforma della normativa, è assolutamente necessario che il Governo attui una certa flessibilità nella procedura sanzionatoria e, ancor meglio, congeli la situazione debitoria di chi altrimenti è destinato a fallire, a vedersi pignorati i beni accumulati in una vita di lavoro, a licenziare i dipendenti. Come accade nel resto dell’Europa e non solo, sarebbe d’uopo che tutti gli Ordini Professionali locali si attivino per attuare una convenzione con gli enti di recupero crediti come Equitalia e quindi tutelare i professionisti ed i privati cittadini. Non si possono più attendere altri suicidi per agire”.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com