header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Ragusa – Attentati a colpi di Kalashnikov, un arresto

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina, nell’ambito del Piano Coordinato di Controllo del Territorio, e finalizzati alla prevenzione ed al contrasto dei reati e degli illeciti amministrativi, in particolare quelli connessi alla guida degli auto-motoveicoli in violazione delle vigenti normative con conseguente potenziale pericolo per la propria ed altrui incolumità, hanno deferito in stato di libertà dieci persone responsabili, a vario titolo, di guida senza patente, disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, minaccia e oltraggio a P.U., detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, detenzione abusiva di armi e omessa comunicazione di spostamento di armi.
I servizi preventivi, svolti nell’ambito di alcuni quartieri urbani dove è maggiore la richiesta di legalità, sono stati effettuati dagli equipaggi del Nucleo Radiomobile Carabinieri di Messina, che hanno denunciato in stato di libertà; un 18enne, per guida senza patente. Altre tre persone di 19, 18 e 29 anni fermate per controllo ai documenti di guida risultavo sprovvisti di patente poiché mai conseguita.
Veniva fermato un 23enne, anch’egli senza patente di guida, poiché mai conseguita; in altro intervento, veniva fermato un 44enne, per disturbo del riposo delle persone. In orario pomeridiano, procedeva a bordo della propria autovettura, con lo stereo a tutto volume. Il 44enne è stato segnalato all’A.G., poiché a bordo dell’autovettura i Carabinieri hanno proceduto al sequestro di un potente impianto HI-FI di tipo artigianale, dotato di un amplificatore ed un subwoofer, che venivano sottoposti a sequestro. Un cittadino 60enne originario della ex Jugoslavia, per minaccia e oltraggio a Pubblico Ufficiale. In particolare, il prevenuto, sottoposto a controllo della circolazione stradale mentre era in transito in questa via Regina Elena alla guida del proprio motociclo, che è poi risultato sprovvisto della prescritta copertura assicurativa, nel corso degli accertamenti dei militari dell’Arma che stavano procedendo alla contestazione dell’infrazione ed al contestuale sequestro amministrativo del mezzo, profferiva nei confronti dei Carabinieri frasi oltraggiose e minacciose.
Un 26enne messinese, per detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio, lo stesso in orario notturno, nel corso della perquisizione presso il proprio domicilio, veniva trovato in possesso di 2 involucri contenenti complessivi 6,50 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, oltre la somma contante di 820,00 euro, il tutto verosimilmente attinente ad attività di spaccio. Nella medesima circostanza, il genitore convivente di 49 anni, già noto alle Forze dell’Ordine, veniva denunciato in stato di libertà per detenzione abusiva di arma. Nel corso degli accertamenti è emerso che il 49enne, seppure in possesso di porto d’armi scaduto di validità e non rinnovato nell’anno 2008, custodiva nella propria abitazione, senza avere formalizzato apposita denuncia all’autorità di Pubblica Sicurezza, un fucile cal.12 di proprietà del fratello 47enne, quest’ultimo operaio, incensurato, anch’egli segnalato in s.l. per reato di omessa comunicazione all’Autorità di P.S. dello spostamento dell’arma.
Nel medesimo contesto operativo, un 31enne messinese, in atto sottoposto alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, è stato segnalato alla Prefettura di Messina quale assuntore di sostanze stupefacenti. In particolare, all’esito della perquisizione domiciliare, i Carabinieri hanno sottoposto a sequestro circa 4 grammi di sostanza stupefacente del tipo “hashish” ed un congegno trita erbe.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com