header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Palpeggiava ragazze in centro Lecco: arrestato dalla Squdra Volante

Il  16 luglio u.s., personale della Squadra Volante della Questura cittadina procedeva all’arresto di P. A., classe 1986, residente a Biassono (MB), per il reato di violenza sessuale.

In particolare, alle ore 8.30 circa, un equipaggio della Squadra Volante interveniva in via Rivolta di Lecco, dove era stata segnalata un’aggressione, nei pressi dell’istituto scolastico “PARINI”, ai danni di una ragazza straniera. Attraverso le prime testimonianze e l’aiuto di due cittadini, gli Agenti riuscivano in breve tempo ad individuare e bloccare l’autore del reato, il quale inizialmente, dopo aver tentato di darsi alla fuga, negava con decisione ogni addebito.

I Poliziotti della Volante assumevano i primi indizi per chiarire la dinamica di quanto accaduto: una ragazza di origine asiatiche aveva patito un’aggressione ed era stata palpeggiata con forza nelle parti intime. Il suo aggressore l’aveva presa da dietro al fine di coglierla di sorpresa, per evitare di essere riconosciuto ed un’eventuale reazione della vittima.

La ragazza, classe 1989, di origine cinese, dopo essere stata soccorsa da personale del 118 e trasportata al Pronto Soccorso, dove le venivano riscontrati, nelle parti intime, evidenti segni riconducibili all’aggressione, riconosceva, dagli abiti indossati e dalla sua postura, il PERRI come l’autore della violenza sessuale subita.

Negli uffici della Questura, i Poliziotti della Volante, con la collaborazione degli Agenti della Squadra Mobile, osservando l’aspetto fisico del PERRI, il modus operandi messo in atto dallo stesso per l’aggressione e la zona dove questa era stata consumata, lo riconoscevano come ipotetico autore di un’altra analoga aggressione avvenuta in Lecco, in data 3 luglio u.s., ai danni di un’altra ragazza.

A questo punto, messo alle strette, PERRI Alessandro riferiva agli Agenti di volersi liberare di quel peso sulla coscienza e rendeva piena confessione delle sue responsabilità per entrambe le violenze sessuali sopra citate. Personale della Squadra Mobile eseguiva, inoltre, una perquisizione domiciliare, con esito positivo: in casa dell’arrestato venivano, infatti,  rinvenuti i pantaloni, la maglietta e le scarpe da lui indossate il 3 luglio u.s. , così come indicati dalla precedente vittima.

Il reo veniva, quindi, tratto in arresto per il reato di violenza sessuale ed associato presso la casa circondariale di Lecco a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nella giornata odierna ha avuto luogo l’interrogatorio di garanzia e la convalida dell’arresto, con l’irrogazione della misura cautelare dell’obbligo di firma.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com