header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

La DISFUNZIONE ERETTILE – Diagnosi, Terapia e Qualità della Vita

Luigi Gino SCALERA, Urologo

Libero Professionista nel Centro Studi Medici MARDIGHIAN

Già Dirigente della Divisione di Urologia dell’ASL di Brindisi

19 Aprile 2013, Ore 18.00-20.00

Mesagne, Convento dei Cappuccini

La disfunzione erettile (DE), cioè l’incapacità dell’uomo di ottenere e/o mantenere una sufficiente erezione del pene, ha inevitabili conseguenze sulla vita sessuale. Se la disfunzione si manifesta saltuariamente non si hanno problemi né psicologici né pratici. Tuttavia, quando il difetto erettile si ripete più volte, allora si attivano problematiche emotive, a partire dalla riduzione dell’autostima, dallo scadimento dei rapporti con gli altri – sessuali sì ma anche professionali – che peggiorano gli stessi processi disfunzionali: è come si entrasse in un circolo negativo e vizioso. Gino SCALERA, esperto del nostro territorio, ci parlerà delle varie cause, che non sempre sono chiare o semplici da dimostrare e quindi da trattare, non essendo la disfunzione erettile una pura ed inevitabile conseguenza dell’invecchiamento. L’incidenza della disfunzione erettile è di circa il 10% della popolazione occidentale generale, ma arriva al 50% nell’età compresa tra i 40 ed i 70 anni. Purtroppo, sia per la volontà di minimizzazione sia per un eccessivo pudore, sia per timore o mal posta vergogna, la questione viene affrontata adeguatamente solo da una piccolissima parte degli uomini interessati in tutte le età. In particolare, sono gli uomini giovani che tendono a “nascondere” il problema, se c’è! Questo atteggiamento porta spesso al peggioramento del quadro complessivo che invece può essere risolto anche abbastanza facilmente, anche se non sempre rapidamente, quando se ne fa emergere le cause con un’accurata diagnosi. Le cause più frequenti della DE sono qui elencate in sintesi: a) Malattie Vascolari ; b) Diabete; c) Farmaci; d) Squilibri Endocrini; e) Cause Neurologiche; f) Traumi e Chirurgia Pelvica; g) Malattia di Peyronie; h) Insufficienza Venosa; i) Congestione Pelvica; l) Cause Psicologiche e Stress. Anche in questo ambito emerge, conti alla mano, l’importanza della RICERCA e della FORMAZIONE ai fini della ASSISTENZA, che aiuta ad evitare l’insorgenza di gravi complicanze relazionali che, nella realtà, diminuiscono la qualità della vita, non solo dell’individuo ma della stessa comunità.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com