header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Cinema del Reale: Saluto al Sole. Visioni dal tramonto all’alba

Sabato 27 luglio 2013, Specchia Castello Risolo (LE)Saluto al Sole. Visioni dal tramonto all’albaCon la visione del tramonto musicata da Go Dugongparte la quarta e ultima serata della Festa di Cinema del realecon immagini e musiche, sogni e sapori fino alle prime luci dell’alba

Ultime ore della Festa di Cinema del reale che chiude in bellezza questa decima edizione. La giornata del festival si è aperta questa mattina con le Poetiche/Pratiche le lezioni/colazioni in cui per 12 minuti a testa si sono confrontati Enrico Ghezzi, Claudia Attimonelli, Marco Spoletini, Alessandra Celesia, Pinangelo Marino, Vincesco Susca e Cristina Torelli.

Al tramonto si rinnova l’aperitivo musicale sulla piazza sospesa del terrazzo del Castello Risolo. Al cambio delle luci, i sapori di Cucina Meridiana e i Cocktail Panoramici sono accompagnati dai suoni dilatati di Go Dugong, armonizzatore di derive post dubstep, beat radicati nell’hip hop e campionamenti vocali ispirati alla house Anni Novanta per un assaggio delle atmosfere della Festa della Festa. Alle 20, prevista la performance di Isabella Mongelli per Taranto Rooms con una lettura tratta dal suo spettacolo inedito My personal tarànto.

Alle 21, Cinema del reale apre con un omaggio a Giuseppe Bertolucci con Bologna, alla presenza della moglie Lucilla Albano. Un corto realizzato a quattro mani con il fratello Bernardo per il progetto collettivo 12 registi per 12 città, una corsa a perdifiato che trascina la macchina da presa da Piazza Maggiore a tutta Bologna. Segue l’attesissimo Il libraio di Belfast, film di Alessandra Celesia, in cui attraverso la storia di un libraio senza libreria si racconta il naufragio di una città.

Alle 22.15 le proiezioni continuano con il videoclip musicale Working man blues di Hermes Mangialardo e sempre sul tema della città Michele Riondino e Paolo Pisanelli presentano il progetto Storie di Taranto. Le proiezioni a cielo aperto continuano alle 23.30 con un omaggio a Gianfranco Mingozzi, uno dei padri del documentario italiano, e a Egisto Macchi, compositore italiano autore di numerose colonne sonore di film documentari. Si prosegue con la musica di Nu te fermare, videoclip del Canzoniere Grecanico Salentino firmato da Edoardo Winspeare. Alla decima edizione non poteva mancare Daniele Vicari, uno degli amici “storici” della Festa di Cinema del reale che alle 23.50 presenta Morto che parla. Nella sala del maniero le proiezioni si concludono con i Cine-sogni, visioni notturne fuori dall’ordinario a cura dell’Archivio di Cinema del reale.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com