header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Al via il servizio di radiologia domiciliare promosso dall’associazione Tecnici Sanitari di Radiologia Medica volontari di Andria a favore di persone impossibilitate a muoversi, anziani e disabili della BAT

Il progetto è uno dei vincitori del concorso ‘Orizzonti solidali’ della Fondazione Megamark di Trani

La valorizzazione dell’assistenza domiciliare è uno dei capisaldi della sanità: consente di raggiungere elevati standard nella qualità della cura con un contenimento dei costi assistenziali. Nella BAT l’assistenza domiciliare sarà presto estesa anche all’esecuzione di esami radiologici per persone impossibilitate a muoversi, anziani e disabili delle case di cura e centri d’accoglienza. È stato presentato questa mattina ad Andria, nella Sala Convegni del Chiostro di San Francesco, il progetto ‘Radiologia domiciliare’ promosso dall’associazione Tecnici Sanitari di Radiologia Medica (TSRM) volontari di Andria con il contributo della Fondazione Megamark e il sostegno di Premio BIOL , Asl Bat e il Comune di Andria.

Il progetto, vincitore del bando di concorso “Orizzonti solidali” – promosso dalla Fondazione Megamark di Trani in collaborazione con i supermercati A&O, Dok, Famila e Iperfamila e finalizzato a sostenere lo sviluppo di iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2012 – prevede, presentando una semplice richiesta del medico curante, l’esecuzione di esami radiologici direttamente al domicilio di pazienti le cui condizioni di salute non permettono il trasporto in strutture mediche o ospedaliere se non con l’ausilio di ambulanze. I pazienti che potrebbero beneficiare gratuitamente del servizio sono, nello specifico, persone affette da patologie polmonari, cardiache, oncologiche, neurologiche, osteoarticolari, sottoposte a interventi ortopedici, non deambulanti o disabili.

Il progetto è stato finanziato dalla Fondazione Megamark con un contributo di 25.000 euro, utilizzati per allestire una stazione radiologica mobile composta da una autovettura opportunamente attrezzata e da un kit pratico ma all’avanguardia: un tubo portatile radiogeno di facile trasporto, un apposito stativo e una console di comando. Gli esami radiologici saranno eseguiti a domicilio dai tecnici radiologi volontari dell’Associazione TSRM di Andria.

Hanno preso parte all’incontro Nicola Giorgino, sindaco di Andria, , Giuseppe Morabito, presidente nazionale TSRM volontari, Giovanni Pomarico, presidente della Fondazione Megamark, Maurizio De Nuccio e Stefano Porziotta rispettivamente dirigente degli affari legali e dirigente della formazione della Asl BAT e Giacinto Abruzzese, presidente dell’associazione TSRM volontari di Andria.

«L’esecuzione di esami radiologici a domicilio – ha spiegato Giacinto Abruzzese, a capo dell’associazione TSRM volontari di Andria – comporta notevoli vantaggi sia in termini pratici sia da un punto di vista prettamente umano. Se l’aspetto pratico è evidente e consiste nell’evitare che l’esecuzione di un esame radiologico costringa il malato o l’anziano a usufruire di mezzi di pubblica assistenza o di vetture private per essere accompagnato al più vicino servizio di radiologia, l’aspetto umano si palesa in un senso di attenzione e di cura da parte dei medici volontari verso i disagi del paziente, evitandogli così code e spostamenti faticosi».

«Siamo lieti di contribuire alla realizzazione di una iniziativa come questa – ha commentato il cav. Giovanni Pomarico, presidente della Fondazione Megamark– che pone al centro dell’attenzione un tema molto dibattuto in ambito sanitario, che è quello dell’assistenza domiciliare. Riuscire a portare servizi necessari come gli esami radiologici direttamente al domicilio del paziente bisognoso, in un contesto più intimo rispetto a quello ospedaliero o medico non può che favorire la serenità psicologica del malato ma anche della sua famiglia».

«Con il bando ‘Orizzonti solidali’-  ha concluso Pomaricoabbiamo avuto conferma, dato il gran numero di richieste pervenute da tutto il territorio pugliese, che il terzo settore ha fortemente bisogno di un sostegno concreto, in grado di sopperire a una sempre crescente carenza di risorse economiche: quindi è sempre più importante il ruolo delle imprese  per contribuire alla realizzazione di iniziative di responsabilità sociale».

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com