header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

World League 7bello a Bari

C’è il superclassico. Mercoledì l’Italia affronta l’Ungheria allo Stadio del Nuoto alle ore 19 con diretta su Rai Sport 2. Martedì la conferenza stampa di presentazione. Programma, convocati e statistiche

Non c’è Olimpiade, Mondiale, Europeo o World Legue senza l’auspicio di assistere al superclassico contro i “maestri” magiari. Sono ben 139 le sfide tra le due superpotenze della pallanuoto con 84 vittorie magiare, 16 pareggi e 39 successi italiani. La mente però, a parte la gara d’andata vinta dagli ungheresi 6-5 a Szekesfehervar, non può che tornare allo scorso 8 agosto all’Aquatics Centre di Londra, quando l’Italia sconfisse i tre volte campioni olimpici in carica per 11-9 estromettendoli ai quarti di finale ed impedendo ai tredici di Kemeny di provare a centrare un poker storico che avrebbe scritto una delle tante leggende olimpiche. L’Ungheria nel frattempo ha cambiato guida tecnica, affidando la panchina a Tibor Benedek, tra i più forti mancini di ogni epoca e tra i protagonisti del triplete olimpico (Sydney ’00, Atene ’04, Pechino ’08), oltre che vecchia conoscenza del campionato italiano (vincitore di 6 scudetti col Recco ed uno con la Roma dal 1998 al 2012). Inoltre, della vecchia guardia hanno lasciato i fuoriclasse Tamas Kasas, Peter Biros e Gergely Kiss, mentre è stato convocato il mancino Norbert Madaras (che l’8 agosto segnò tre gol agli azzurri). I fuoriclasse non mancano: da Norbert Hosnyánszky, Marton Szivos e i fratelli Daniel e Denes Varga a guidare un gruppo che mixa giovani e maturi. La partita si giocherà allo Stadio del Nuoto di Bari il 27 marzo con diretta su Rai Sport 2 alle 19; poi il 30 marzo il Settebello affronterà la Romania a Bucarest alle 17 italiane (differita Rai Sport 1 ore 20.30) per l’ultima giornata del girone C europeo. La classifica recita Ungheria 12, Italia 7, Russia 3, Romania 2. Passa la prima di ogni girone, mentre la Russia è qualificata perchè ospiterà le final eight a Kazan dall’11 al 16 giugno. Gli azzurri sono a Bari e partiranno per la Romania il 29 da Fiumicino, per poi rientrare il 31 marzo.

CONFERENZA STAMPA. Martedì 26 alle 12 presso lo Stadio del Nuoto di Bari è in programma la conferenza di presentazione alla stampa dell’incontro. Presenti l’Assessore allo Sport del comune di Bari Elio Sannicandro, il delegato e presidente della commissione tecnica Fina Gianni Lonzi, il CT del Settebello Alessandro Campagna, il team leader Francesco Attolico e il capitano azzurro Stefano Tempesti.

L’UNGHERIA. Portieri: Attila Decker, Márton Lévai; giocatori di movimento: Bátori Bence, Krisztián Bedő, Ádám Decker, Miklós Gór-Nagy, Norbert Hosnyánszky, Gábor Kis, Norbert Madaras, Márton Szivós, Márton Tóth, Béla Török, Dániel Varga, Dénes Varga, Márton Vámos. All. Tibor Benedek.

IL SETTEBELLO. Marco Del Lungo, Alessandro Nora, Giuseppe Valentino e Christian Presciutti (AN Brescia), Fabio Baraldi, Valentino Gallo (CN Posillipo), Olexandr Sadovyy (Carpisa Yamamay Acquachiara), Alex Giorgetti (Debreceni Civis Polo), Matteo Aicardi, Maurizio Felugo, Niccolò Figari, Pietro Figlioli, Deni Fiorentini, Andrea Fondelli, Niccolò Gitto, Stefano Luongo e Stefano Tempesti (Ferla Pro Recco), Nicholas Presciutti (SS Lazio Nuoto). Lo staff è composto dal ct Alessandro Campagna, dall’assistente Amedeo Pomilio, dal team manager Francesco Attolico, dal preparatore atletico Alessandro Amato (Bari), dal medico Gianfranco Colombo, dal fisioterapista Paolo Imperatori (Bari), dal video analista Francesco Scannichhio (Bari) e dalla psicologa Bruna Rossi (Bari).

IL CAMMINO DEL SETTEBELLO 1a giornata Italia-Russia 13-6 Romania-Ungheria 9-12 2a giornata Ungheria-Italia 6-5 Russia-Romania 13-14 ai tiri di rigore 3a giornata Italia-Romania 11-5 Russia-Ungheria 7-10 4a giornata 02/2/2013 Russia-Italia 12-10 ai tiri di rigore Ungheria-Romania 9-8

La classifica: Ungheria 12, Italia 7, Russia 3, Romania 2.

5^ e 6^ giornata 27/03/2013 Italia-Ungheria a Bari 30/03/2013 Romania-Italia

11-16/06/2013 Superfinal in Russia con sede da definire

MONTEPREMI (345.000 dollari) 1. posto 100.000 2. posto 70.000 3. posto 50.000 4. posto 35.000 5. posto 30.000 6. posto 25.000 7. posto 20.000 8. posto 15.000 squadre eliminate 15.000 dollari

SISTEMA DI PUNTEGGIO: 3 vittoria, 2 vittoria ai rigori, 1 sconfitta ai rigori, 0 forfeit

FORMULA DI GIOCO: Le partite non possono terminare in parità. Nel caso di pareggio alla fine dei tempi regolamentati (quattro parziali da 8′ effettivi), saranno tirati i rigori (cinque ciascuna squadra, eventualmente ad oltranza).

ALBO D’ORO E PIAZZAMENTI DELL’ITALIA 2002 Patrasso 1. Russia, 2. Spagna, 3. Ungheria Italia eliminata nel girone di qualificazione 2003 New York 1. Ungheria, 2. Italia, 3. USA 2004 Long Beach 1. Ungheria, 2. Serbia&Montenegro, 3. Grecia Italia quarta, battuta in finale per il 3° posto dalla Grecia per 12-9 2005 Belgrado 1. Serbia&Montenegro, 2. Ungheria, 3. Germania Italia eliminata nei gironi di semifinale 2006 Atene 1. Serbia&Montenegro, 2. Spagna, 3. Grecia Italia eliminata nei gironi di qualificazione 2007 Berlino 1. Serbia, 2. Ungheria, 3. Australia Italia eliminata nei gironi di qualificazione 2008 Genova 1. Serbia, 2. USA, 3. Australia Italia settima, battuta la Grecia nella finale 7°-8° posto per 11-7 2009 Podgorica 1. Montenegro, 2. Croazia, 3. Serbia Italia quinta, battuta l’Australia nella finale 5°-6° posto per 11-10 2010 Nis 1. Serbia, 2. Montenegro, 3. Croazia Italia eliminata nei gironi di qualificazione 2011 Firenze 1. Serbia, 2. Italia, 3. Croazia 2012 Almaty 1. Croazia, 2. Spagna, 3. Italia

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com