header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Venezia: Truffa ai danni di anziani

Un signora residente a Mestre ha segnalato al “113” che, poco prima, due individui, di giovane età in abiti scuri le si erano presentati alla porta affermando di dover effettuare alcune, non meglio specificate, rilevazioni.

Quando poi i due hanno abbandonato l’appartamento la donna ha scoperto di essere stata derubata.

La volante intervenuta sul posto ha accertato che i due malfattori si erano presentati come dipendenti di una nota azienda per la fornitura del gas ad uso domestico e di essere stati incaricati di verificare eventuali fughe di gas nell’intero quartiere.

Gli stessi avevano detto di essere in possesso di un’apparecchiatura ad impulsi elettrici che avrebbe rilevato immediatamente anche la minima fuga di gas.

La signora era stata pertanto invitata a togliere eventuale denaro e monili in oro dal luogo ove questi erano custoditi, per non interferire con il macchinario e causare dei danneggiamenti. Una volta carpito il nascondiglio dei preziosi, uno dei due, seguito dalla donna, si avvicinava ai fornelli per constatarne l’efficienza, mentre il complice si impossessava dei preziosi.

Subito dopo entrambi si allontanavano velocemente.

Le ricerche dei malfattori effettuate in  zona hanno dato esito negativo.

La donna è stata invitata a sporgere denuncia su quanto accaduto al Commissariato di zona.

Anche in questo caso, come in precedenti occasioni, la Polizia di Stato invita i cittadini a prestare la massima attenzione a chi avvicina persone sole o in difficoltà. Spesso, infatti, con la scusa di fornire un aiuto disinteressato, o con altri raggiri  (riferendosi a vecchi rapporti di amicizia o parentela), carpiscono le fiducia delle persone per poi derubarle di quanto in loro possesso. In casi come questi (o come quelli fino ad ora censiti dalla Questura di Venezia), il consiglio è sempre quello di verificare chi si ha realmente di fronte, e rifiutare aiuti ed assistenza non richiesti. In ogni caso, chiamare il 113: la sola telefonata alla Questura ha spesso il potere di far allontanare i malintenzionati. E comunque una volante verrà inviata per accertare con sicurezza quanto sta avvenendo.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com