header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Undicesima edizione dell’Alberobello Jazz Festival

Sabato 24 agosto (ore 20.30 – ingresso gratuito), nell’ambito dell’undicesima edizione dell’Alberobello Jazz Festival, organizzato dal Circolo Arcitrullo con il patrocinio del Comune di Alberobello e con la direzione artistica di Alberto Maiale, il Trullo Sovrano di Alberobello (Ba) ospita il concerto di Roberto Ottaviano. Il sassofonista e compositore barese, affiancato da Giorgio Vendola (contrabbasso), Pippo D’Ambrosio (batteria) e dai Vertere String Quartet (Giuseppe Amatulli – violino, Rita Paglionico – violino, Domenico Mastro – viola, Giovanna Buccarella – violoncello), proporrà, tra gli altri, i brani tratti dal recente progetto discografico Arcthetics – Soffio Primitivo (Dodicilune/Ird). In apertura spazio al progetto Invenzioni a due voci con Raffaele Casarano (sax ed elettronica) e Marco Bardoscia (contrabbasso). Il Festival si aprirà venerdi 23 agosto (ore 21.00 sempre al Trullo Sovrano) con il concerto in piano solo di Stefano Battaglia.

Arcthetics – Soffio Primitivo, prodotto da Dodicilune, distribuito da IRD e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Records – PO Fesr Puglia 2007/20013 Asse IV – Investiamo nel vostro futuro, contiene sei brani inediti ispirati alle liriche del poeta, musicista e operatore culturale barese Vittorino Curci e un pezzo della tradizione albanese riarrangiato dallo stesso Ottaviano. Il rapporto con la terra non ha mai influenzato in modo calligrafico e vincolante il modo di pensare e fare musica così come forse lo è stato per alcuni colleghi di Ottaviano. I contorni geografici ed i percorsi che dalle scogliere si addentrano nelle viscere delle Murge, della Valle d’Itria o degli assolati campi Salentini, così come i racconti della vita marittima, contadina o paesana, mai hanno dettato linee estetiche o un atteggiamento alle sue soluzioni artistiche. Ancor più direttamente la Banda, i cantastorie, i ritmi sanguigni della Taranta come quelli della Moresca, non hanno mai impressionato più di tanto il sassofonista, al punto da dover “fare i conti” con il peso arcaico della loro presenza. “Eppure”, sottolinea Ottaviano, “avverto un legame ed una discendenza che si è tradotta e si traduce in quello che una volta definii il dinamismo del pescatore; un dinamismo che non dimentica lo spazio della riflessione e che apprezza la pausa per cogliere il raggio di sole, la brezza che porta l’odore del mare, un’aura per il viaggio lungo sia esso verso il nord più immaginifico così come solo nello spazio mentale. Bene, questo essere nella terra e tuttavia potersi considerare apolide, lo ritrovo nei versi e nella prosa del mio amico Vittorino Curci, alle cui liriche mi sono ispirato per questo lavoro, e per farlo ho desiderato un suono molto antico, quello degli archi e delle percussioni di straordinari compagni che hanno realizzato per me una “mappa” archeosonora di grande maestria e su cui ho cercato di liberare la mia identità, un soffio primitivo”.
Il video promozionale del cd, per la regia di Andrea Ferrante, prodotto da Film Found Family produzioni cinematografiche, si ispira ad un vecchio racconto blues, ormai leggendario. Il viaggio di Robert Johnson, la cui storia è fosca e misteriosa. Si narra infatti che l’artista si fosse recato ad un crocicchio dove, incontrato il diavolo, gli chiese di farlo diventare un grande musicista in cambio della sua anima. L’idea è stata riambientata nella splendida e luminosa Puglia. Il maestro Ottaviano cammina riflessivo verso un ulivo a cui chiederà il dono della stessa ispirazione.
Roberto Ottaviano è nato a Bari nel 1957. Studia il sassofono con Federico Mondelci e Steve Lacy, composizione ed arrangiamento con Bill Russo e George Russell. Dal 1979 svolge una intensa attività concertistica e discografica in tutta Europa, collaborando con alcuni fra i più importanti musicisti americani ed europei come Mal Waldron, Giorgio Gaslini, Reggie Workman, Andrew Cyrille, Albert Mangelsdorff, Keith Tippett, Ray Anderson, Enrico Rava, Ran Blake, Steve Swallow, Henri Texier, Misha Mengelberg, Franz Koglmann, Han Bennink, Barre Phillips, Pierre Favre, Kenny Wheeler, Mark Dresser, Paul Bley, Graham Haynes, Irene Schweizer, Myra Melford, Tony Oxley, Ralph Alessi, Marc Ducret. Attualmente dirige il proprio quartetto “Pinturas” ed il quartetto “Roba” con Glenn Ferris, Jean Jacques Avenel e John Betsch. Fa parte del quintetto “Canto General” con il batterista sud africano Louis Moholo e del Karl Berger All Stars con tra gli altri Mark Helias e Bob Stewart. Come leader e come freelance ha modo di fare tournée in varie parti del mondo comparendo in alcuni fra i più importanti festival in Germania, Austria, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Francia, Spagna, Portogallo, oltre che in India, Messico, Stati Uniti, Brasile, Israele ed in alcuni stati africani come Marocco, Senegal e Cameroun. Incide per Red, Splasc(h), Soul Note, Dodicilune, Hat Art, Intakt, ECM, DIW ed Ogun. Come didatta ha tenuto clinic e seminari a Woodstock (U.S.A), al conservatorio di Città del Messico, alla Music Hochshule di Vienna, al conservatorio di Groningen, nei seminari invernali In.Jam di Siena Jazz, a Urbino, Roccella Jonica, Cagliari, Firenze, Roma, Siracusa. Dal 1989 è titolare della cattedra di Musica Jazz presso il conservatorio Nicola Piccinni di Bari. Ha scritto musiche per alcune coreografie di C. Carlson, J. Pardo e per la Teri Weikel Company, oltre che per alcuni lungometraggi dei registi R. Depardon e Tamahori.
Dodicilune è attiva dal 1996 e riconosciuta dal Jazzit Award tra le prime tre etichette discografiche italiane (dati 2010/2012). Dispone attualmente di un catalogo di oltre 120 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all’estero da IRD presso 300 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc). Info su www.dodiciluneshop.it

Per ascoltare il disco in anteprima su IJM

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com