header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Pesaro: Operazione Empty pockets – Accertata maxi evasione fiscale per circa 30 milioni di euro

Le Fiamme Gialle di Urbino, al termine di complesse indagini protrattesi per due anni, hanno scoperto un particolare sistema di frode, che, attraverso la presentazione  di dichiarazioni dei redditi “vuote”, ha consentito una rilevante evasione fiscale.

Gli accertamenti svolti hanno riguardato complessivamente 14 aziende operanti in diversi settori dell’indotto commerciale, tutte con sede nell’urbinate e riconducibili ad un unico commercialista. Le stesse, nonostante avessero conseguito ricavi per circa 30 milioni di euro, hanno presentato le dichiarazioni ai fini delle Imposte Dirette, prive di qualsiasi dato contabile atto a quantificare gli importi dovuti all’Erario. Quattro delle predette aziende sono risultate anche evasori totali per un anno, omettendo di versare un’I.V.A. pari a circa 1,5 milioni di euro.

Il sistema di frode escogitato, semplice ed efficace allo stesso tempo, consisteva nell’indicare, nelle dichiarazioni dei redditi presentate, una fittizia causa di esclusione dall’adeguamento ai cc.dd. studi di settore, contrassegnata nel Modello Unico dal “codice 1 (uno)”, che può essere inserito soltanto dalle ditte che iniziano la propria attività nell’anno cui fa riferimento la medesima dichiarazione dei redditi, omettendo, inoltre, di compilare i “quadri” concernenti i dati fiscali.

Di fatto, l’escamotage di indicare la fittizia causa di esclusione consentiva alle aziende in questione, operative da diversi anni, di bypassare il controllo da parte degli Organi preposti, non comparendo nelle liste di soggetti non congrui e non coerenti con i suddetti studi di settore, talché, pur essendo di fatto evasori totali, erano praticamente invisibili nell’elenco dei soggetti fiscalmente pericolosi.

Tra l’altro, il commercialista coinvolto, oltre a non dichiarare alcun reddito derivante dalla propria attività, esercitava l’attività abusivamente, non essendo iscritto ad alcun ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, ragione per cui è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria competente, per il reato di esercizio abusivo di una professione, previsto e punito dall’art. 348 del Codice Penale.

Lo stesso, evasore totale per un anno, ometteva anche di versare le ritenute I.R.Pe.F. per  i propri dipendenti.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com