header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

MANIFESTAZIONI STUDENTESCHE A PISA

I reati vanno dal mancato preavviso di manifestazione all’Autorità di Pubblica Sicurezza, al danneggiamento pluriaggravato, alla violenza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e a incaricato di pubblico servizio. In alcuni casi si tratta degli stessi soggetti che si sono resi responsabili di più atti delittuosi in occasione delle manifestazioni studentesche del 5 ottobre , del 14 novembre e del 24 novembre scorsi. Le indagini continuano ad opera della Digos per identificare gli altri soggetti che nel corso delle citate manifestazioni si sono resi responsabili di gravi episodi delittuosi nei confronti delle forze dell’ordine e di incaricati di pubblico servizio. Tra i denunciati risultano altresì due minorenni che hanno reiterato i reati nelle diverse occasioni . Altre denunce partiranno non appena saranno ultimati gli accertamenti riguardanti l’aggressione avvenuta nei confronti del personale della Polizia di Stato e dei Carabinieri in occasione della manifestazione non preavvisata tenutasi venerdì 6 dicembre in questo centro cittadino. Le predette manifestazioni studentesche, a differenza di altre che pure sono state realizzate in questo capoluogo senza alcun problema per l’ordine e la sicurezza pubblica , sono caratterizzate dal preoccupante dato che alcuni noti soggetti,  già più volte denunciati per reati di violenza contro le persone e le cose in occasione di manifestazioni pubbliche,  legati ad uno specifico movimento antagonista cittadino,  riescono a coinvolgere studenti minorenni nella partecipazione ad episodi di violenza, spesso inconsapevoli dei pericoli per l’incolumità propria ed altrui, nonché delle gravi consegue penali cui possono andare incontro . Si è nel frattempo conclusa l’occupazione della multisala ex cinema “Ariston” di via Turati.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com