header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Lospinuso: “Vendola condanna la Puglia alla povertà. Lo dice anche l’ISTAT”

I dati Istat pubblicati dalla stampa odierna certificano il miracolo all’incontrario del vendolismo. La Puglia che aveva ereditato come oasi di sviluppo nel Mezzogiorno è oggi al secondo posto nella classifica nazionale della povertà delle famiglie. Peggio di noi sta solo la Sicilia, mentre perfino la Calabria e la Campania sono in condizioni migliori.
E’ il frutto di politiche ideologiche e di potere fondate non sull’alimentazione dello sviluppo, ma sulla sua demonizzazione, addirittura teorizzata da componenti significative della sinistra radicale che straparlano di una decrescita ‘felice’ ed alla cui pancia il nostro Governatore si sta spudoratamente consegnando, in una scomunica furente dell’industria in quanto tale che farebbe girare nella tomba il povero Carlo Marx, che era un ideologo dell’industrializzazione, con buona pace della “classe operaia”, così condannata al lastrico ed all’estinzione.
Se tanto mi dà tanto, non è casuale la povertà crescente dei Pugliesi ma risponde in sostanza ad un disegno preciso finalizzato ad accrescerne la disperazione e la rabbia pur di poterci lucrare voti, ed è destinata ad aggravarsi se Vendola dovesse dare seguito alle minacce di queste ore, desertificando anche quel che resta del nostro apparato produttivo ed inibendo ogni nuovo investimento che possa consentirci di essere meno poveri.
Questa corsa forsennata alla povertà, peraltro del tutto contro-natura per un Popolo che non a caso fu definito ‘di formiche’, va contrastata senza se e senza ma.
Noi la Puglia la vogliamo in testa alle classifiche della crescita e della prosperità, non a quelle del tracollo e della miseria”.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com