header photo

ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Arrestato 47enne a Chioggia per stalking nei confronti dei genitori

Non era la prima volta che Doria Massimo, 47enne chioggiotto, senza fissa dimora e nullafacente, si presentava pressol’abitazione degli anziani genitori, residnti sempre a Chioggia, per chiedere soldi.

Anzi, ultimamente l’uomo era diventato anche violento, giungendo a fare scenate e a rompere infissi e arredi di casa se non gli fossero stati dati soldi (anche di importi irrisori) che, verosimilmente, gli servivano per comprare ulteriori bevande alcoliche.

Gli anziani genitori (84 anni il padre, 79 anni la madre), non riuscendo più a gestire le interperanze del figlio (che ormai da molto tempo non abitava più con loro), avevano deciso qualche tempo fa di sporgre denuncia contro di lui nella speranza che un provvediamnto di allontanamento (poi effettivamente notificato allo stesso 47enne) lo tenesse lontano dalla loro casa, anche per tutelare la stessa salute dei due anziani afflitti dalle malattie dell’età.

Ciò nonostante, nel tardo pomeriggio di ieri, il Doria si è nuovamente presentato sotto casa dei genitori, iniziando a suonare, rumoreggiare e a tirare oggetti  contro i balconi dei genitori, nel tentativo di farsi aprire e farsi consegnare ulteriori soldi.

La coppia, nel tentativo di dissuadelo dal proseguire oltre, non ha risposto agli appelli del figlio, tentando di fargli credere di essere fuori casa.

Intorno alle 19.00, però, la situazione è trascesa, tanto che l’uomo, ormai esasperato e sotto la probabile influenza di bevande alcoliche, ha iniziato a molestare anche i passanti e i vicini di casa: solo allora, non senza senso di colpa, i genitori hanno chiamato il 113, segnalando quanto stava accadendo.

Dopo pochi minuti la volante, giunta sul posto, ha preso contatto l’uomo (nel frattempo stesosi a terra): l’individuo, mal tollerando l’intervento degli agenti, ha iniziato a offendere e ad aggredire verbalmente gli operatori, per poi giungere anche a un goffo tentativo di passare alle vie di fatti contro gli stessi.

Bloccato, è stato condotto presso gli uffici del locale Commissariato e qui posto in stato d’arresto per i reati di Atti Persecutori (c.d. “Stalking”), Resistenza e Oltraggio a Pubblico Ufficiale e Porto Abusivo di Arma da Taglio, dato che all’interno del borsello che l’uomo aveva con sé vi erano ben 2 coltelli a serramanico (poi sequestrati).

Nella mattina di oggi, sottoposto a giudizio direttissimo, nei suoi confronti è stato convalidato il provvedimento d’arresto, l’udienza rinviata a venerdì prossimo, ma con custaodia cautelare da scontarsi in carcere a Santa Maria Maggiore a Venezia, dove l’uomo si trova tuttora.

Nessun Commento


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Spiacente, i commenti sono chiusi.


 mondosalento.com